Piani Marketing

Traducono in azioni concrete gli obiettivi della strategia di marketing.

Cos’è e come si fa il Piano Marketing?

Il piano marketing è un documento di pianificazione che contiene la strategia e le azioni operative messe in campo dall’azienda per raggiungere i propri obiettivi d’impresa.

Il suo scopo è quello di dirigere, coordinare e monitorare tutte le attività di marketing che l’azienda attua o prevede di attuare in un determinato lasso di tempo.

È uno strumento di carattere sia strategico che operativo, quello che permette all’azienda di passare dalle parole ai fatti, traducendo in azioni concrete gli obiettivi della strategia di marketing.

Come nasce un piano di marketing?

Un piano di marketing è il risultato di una serie di analisi come quelle che abbiamo elencato precedentemente e deve rispondere a tre fondamentali domande sulla strategia aziendale:

  • Qual è il nostro business di riferimento? E come evolverà in futuro?
  • Chi sono i nostri clienti? E quali saranno in futuro?
  • Cosa ci distingue e ci dovrà distinguere dai nostri concorrenti?

Il primo passo è quindi la definizione chiara della mission e della proposta di valore dell'azienda o del prodotto / servizio che si vuole portare sul mercato.

La realizzazione di un piano di marketing si articola in cinque fasi:

Fase 1. Analisi del contesto

Innanzitutto bisogna comprendere lo scenario in cui si opera e raccogliere tutti gli elementi che possono aiutare a prevedere gli scenari futuri. Detto in parole povere, capire il mercato attuale costituito da consumatori e aziende concorrenti, regolato da leggi scritte e non scritte e che vede relazioni e rapporti di forza che possono cambiare da un giorno all’altro con l'ingresso di nuovi concorrenti o l’arrivo di nuove tecnologie.
Quanto più riusciamo a ridurre l’incertezza sull'evoluzione del mercato in cui operiamo, tanto più efficace risulterà il nostro piano di marketing.

Lo strumento base è quindi l’analisi SWOT, dove sono confrontati punti di forza, punti di debolezza, minacce e opportunità dell’oggetto del nostro piano di marketing.
L'altro strumento fondamentale è l’analisi della concorrenza per capire in quale direzione si stanno muovendo i nostri competitor e quali soluzioni possiamo introdurre per differenziarci da loro.
Tutti i diversi strumenti delle ricerche di mercato ci possono poi aiutare a conoscere i clienti e i loro comportamenti d'acquisto.

Fase 2. Definizione degli obiettivi

La strategia aziendale sarà il risultato di un posizionamento ben definito con uno o più obiettivi di marketing.
Per dare piena efficacia alla nostra attività di pianificazione, questi obiettivi dovranno essere organizzati gerarchicamente, per ordine di priorità, ed essere espressi in termini quantitativi.
Dovranno anche, e soprattutto, essere realistici e raggiungibili.

Fase 3. Definizione del marketing mix

E' la fase in cui dalla visione strategica e dagli obiettivi si passa alla pianificazione delle azioni ritenute più adatte per raggiungerli, identificando le leve o gli strumenti operativi che l'azienda può utilizzare per il conseguimento dei propri obiettivi.
Stiamo parlando delle classiche 4 P del marketing mix: Product, Price, Promotion e Place, a cui, con il passaggio dal marketing product-oriented a quello customer-oriented, si sono aggiunte le 4 C: Consumer, Cost, Convenience e Communication.

E' questa la fase in cui si definiscono punti cruciali come il prezzo, la distribuzione, eventuali promozioni e pubblicità e gli elementi distintivi della comunicazione come identità visiva, linguaggio e tono di voce. Ed è sempre in questa fase che si comincia anche a parlare di numeri, con la ripartizione dei budget e delle risorse assegnate a ciascuna delle attività pianificate.

Fase 4. Attuazione delle strategie

Definiti gli obiettivi, gli strumenti e i tratti distintivi della nostra campagna non resta che stabilire le tempistiche e le singole responsabilità per le diverse azioni.
Una volta formalizzato e condiviso il tutto si passa alle azioni vere e proprie.

Fase 5. Controllo dei risultati

Il monitoraggio dei risultati è uno degli aspetti fondamentali del piano marketing e la sua qualità dipende dalla precisione con cui sono stati individuati i diversi KPI (Key Performance Indicators) che saranno utilizzati per valutare gli effetti delle azioni di marketing.
Saranno i KPI a permettere la corretta valutazione dei risultati al fine di poter valutare il ritorno dell'investimento e le eventuali correzioni da apportare al piano.
Le nuove tecnologie offrono poi il vantaggio di un monitoraggio costante, quasi in tempo reale.

Chi scrive il piano di marketing?

Un piano di marketing è il risultato di un lavoro di squadra che, soprattutto nelle grandi aziende, oltre ai responsabili marketing, può coinvolgere i responsabili delle vendite, della comunicazione e della produzione.

Per costruire un piano efficace occorre avere una visione completa degli strumenti di marketing per capire quali, tra tutti quelli disponibili, sono utili per il raggiungimento degli obiettivi. per saperne di più non esitare a contattarci.

Vuoi realizzare un progetto simile per la tua azienda?

Chiamaci al 0332.977728 invia una mail a info@deltamarket.com